Studio Lomonaco

  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • instagram
  • linkedin
Ti trovi in: Home » Gli Enti del Terzo Settore ETS » Erogazioni liberali enti del terzo settore

Erogazioni liberali enti del terzo settore

La disciplina delle erogazioni liberali agli Enti del Terzo Settore

Il Codice del Terzo settore ha riformulato la disciplina delle erogazioni liberali effettuate a favore degli Enti del Terzo settore, di natura non commerciale, comprese le cooperative sociali ed escluse le imprese sociali costituite in forma societaria; la nuova normativa è contenuta nell'art. 83 "detrazioni e deduzioni per erogazioni liberali" D.Lgs 117/2017 e in via transitoria, ovvero fino a completa attuazione della riforma del terzo settore, è applicabile dal 1 gennaio 2018 alle onlus, alle associazioni di volontariato e di promozione sociale iscritte nei rispettivi registri.

Le erogazioni liberali possono essere effettuate sia in denaro che in natura; la detrazione per le erogazioni in denaro è consentita a condizione che il versamento sia eseguito per tramite banche o uffici postali ovvero attraverso metodi di pagamento tracciabili; per le erogazioni in natura occorre attendere l'emanazione di un apposito decreto da parte del Ministero del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministero dell'economia e finanze che individui le tipologia di beni che danno diritto alla detrazione e deduzione nonché la loro valorizzazione.

Le persone fisiche possono detrarre dall'imposta lorda il 30% delle erogazioni liberali in denaro e in natura per un importo complessivo annuale di € 30.000; la percentuale è elevata al 35% dell'erogazione se effettuata ad organizzazioni di volontariato.

Le persona fisiche, gli enti e le società possono dedurre dal reddito complessivo netto le liberalità in denaro o in natura nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato; qualora la deduzione fosse superiore al reddito complessivo netto dichiarato, l'eccedenza può essere dedotta nei quattro periodi d'imposta successivi.

I soci delle società di mutuo soccorso, che operano nei settori di cui all' art. 1 L 3818/1886, possono detrarre dall'imposta lorda un importo pari al 19% dei contributi associativi versati per un importo superiore a € 1.300 al fine di assicurare ai soci un sussidio nei casi di malattia, impotenza dal lavoro o di vecchiaia, ovvero in caso di decesso, un aiuto alle loro famiglie.

Le detrazione e deduzioni si applicano a condizione che l'ente dichiari la propria natura non commerciale al momento della iscrizione nel Registro unico del terzo settore e che le liberalità ricevute siano utilizzate per lo svolgimento dell'attività statutaria, ai fini dell'esclusivo perseguimento di finalità civiche solidaristiche e di utilità sociale.

La perdita della natura non commerciale deve essere comunicata dal rappresentate legale dell'ente al Registro Unico entro 30 giorni dalla chiusura del periodo d'imposta in cui si è verificata. In caso di mancato tempestivo invio della comunicazione il rappresentante legale è punito con la sanzione amministrativa da € 500 a € 5.000.

In merito, la relazione illustrativa al decreto osserva che è onere del soggetto erogante, in via preventiva rispetto alla fruizione della detrazione o deduzione, di verificare presso il suddetto Registro se l'ente beneficiario abbia prodotto la citata dichiarazione o acquisire da quest'ultimo un'attestazione in tal senso.

I soggetti che effettuano le suddette erogazioni liberali non possono cumulare la deducibilità e la detraibilità con altre agevolazioni fiscali previste a titolo di deduzione o detrazione dì imposta da altre disposizioni di legge a fronte delle medesime erogazioni.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Powered by Google Partner Euchia.it ©