Studio Lomonaco

  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • instagram
  • linkedin
Ti trovi in: Home » Enti Ecclesiastici » Esenzione Ici Enti Ecclesiastici

Esenzione Ici Enti Ecclesiastici

Sentenza

Corte Cassazione Sentenza n 24500 20 novembre 2009


• ICI
• Fabbricato di proprietà di ente morale di diritto utilizzato per assistenza sanitaria

ORDINANZA

Svolgimento del processo
Con ricorso notificato al Comune di (.....), la (...) (ente morale di diritto pontificio dotato di personalità giuridica (DPR 31 gennaio 1957)", esercente, " a norma del proprio statuto", "opere di religione e di culto nonché, senza fine di lucro, opere di istruzione, assistenza ospedaliera, assistenza sociale, di beneficenza") - premesso che: (1) perseguiva "i suoi finì istituzionaliattraverso la gestione di quattro case di cura (una delle quali, la (...) nel Comune di (.....)...), tre case di riposo per bisognosi ed anziani, due case missionarie (una in India e l'altra nelle Filippine), con finalità sia sanitaria ehm assistenziali"; (2) il 2 maggio 2002 detto Comune aveva emesso un "avviso di accertamento con riferimento all'imposta comunale sugli immobili (ICI) relativa all'anno 1996" (recte: 1998), "rilevando la mancanza della denuncia e del versamento" di tale imposta e "disponendo il pagamento di complessivi € 38,237,49" - in forza di motivi, chiedeva di cassare ("con ogni consequenziale pronuncia, anche in ordine alle spese") la sentenza n. 33/02/04 della Commissione Tributaria Regionale della Liguria (depositata il 24 settembre 2004) che aveva respinto il suo appello avverso la decisione (71/01/03) della Commissione Tributaria Provinciale di (.....) la quale aveva disatteso il ricorso con cui aveva impugnato detto avviso. Il Comune intimato non svolgeva attività difensiva. Il 24 settembre 2009 la ricorrente depositava memoria ex art. 378 c.p.c.
Motivi della decisione
1. Con la sentenza gravata la Commissione Tributaria Regionale - individuata la "questione" posta al suo esame nell'accertamento dell'"assoggettabilità o meno all'imposta comunale sugli immobili dei fabbricati di proprietà di un ente ecclesiastico, nel quale si svolga attività sanitaria", ha disatteso il gravame della (...) che contestava l'"assoggettabilità" in forza di considerazioniattinenti, "sia al dato soggettivo relativo alla propria qualifica di ente ecclesiastico", sia soggettivo, attinente all'attività svolta") esponendo che, poiché "la base imponibile del tributo" è costituita dal "valore dell'immobile", "l'ICI configura in relazione ai suoi elementi soggettivo ed oggettivo come un'imposta diretta di tipo patrimoniale reale" e, quindi, "le ipotesi particolari di esenzione, quale quella contenuta nell'art. 7 lett. i) D. Lgs. 30 dicembre 1992 n. 504... che concerne gli immobili, utilizzati dagli enti pubblici e privati, diversi delle società,... non aventi per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciale, "destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive..."vanno interpretate "in realizzazione a tale configurazione".
II giudice di appello, poi, aggiunge, che, prevedendo la "norma" - "con specifico riferimento agli enti ecclesiastici, ai quali attiene la disciplina dettata dalla legge 20 maggio 1985 n. 222" - l'"esenzione dall'imposta anche per gli immobili utilizzati... per lo svolgimento delle attività di cui all'art. 16 lett. a) della legge predetta", "solo gli immobili nei quali si svolgono attività di religione o di culto, individuate nella citata lett. a) dell'art. 16 legge n. 222/85 (vale- a dire "quelle dirette all'esercizio del culto e alla cura delle anime, alla formazione del clero e dei religiosi scopi missionari, alla catechesi all'educazione cristiana") sono esentate dall'imposizione, e non anche quelli ai quali si riferisce la lett. b) del medesimo art. 16, nei quali si svolgono attività diverse, di assistenza e beneficenza, istruzione, educazione - e cultura e in ogni caso, "attività commerciali o a scopo di lucro"": di conseguenza"l'attività svolta dalla Congregazione", "essendo produttiva di reddito", "non può valere ad esonerare l'immobile dall'imposizione, a nulla valendo considerazioni circa l'impiego delle somme ricavate dall'attività sanitaria che vi si svolge non rilevando le stessa "a fronte dell'oggettiva considerazione del carattere commerciale dell'"attività stessa" ("che la stessa appellante, sostanzialmente, ammette"}."In conclusione", secondo il giudice a quo, "il beneficio dell'esenzione dell'imposta non spetta in relazione agli immobili, appartenenti ad un ente ecclesiastico, che siano destinati allo svolgimento di attività oggettivamente commerciali" ("nella fattispecie:, gestione di una casa di cura organizzata per prestazioni di servizi clinici e sanitari"); "cfr., da ultimo, Cass., civ., trib, 8 marzo 2004 n. 4645", 2, La Congregazione investe tale decisioni con due motivi.
A. Con il primo, la ricorrente denunzia "violazione e falsa applicazione dell'art. 7,. let. i) D. Lgs. 30 dicembre 1992 n. 504" esponendo, innanzi tutto, che "le motivazioni" della sentenza impugnata "trovano smentita nell'art. 6 del DL 17 agosto 2005 n. 163, rubricato "esenzione dall'ICI per particolari immobili, con il quale il Governo ha chiarito, con norma di interpretazione autentica" "evidente dal suo tenore letterale l'esenzione s'intende applicabile"" con conseguente operatività della stessa "ab origine") che "anche gli immobili utilizzati da enti religiosi per attività di assistenza e beneficenza e svolte in forma commerciale fruiscono dell'esenzione, dall'ICI qualora
dette attività siano connesse a finalità di religione o di culto": "il legislatore, dunque, ha chiarito che l'art. 7, primo comma, lett. i) del D. Lgs. n. 504/1992 deve essere interpretato nel senso che, per il godimento dell'esenzione ivi contemplata, assume rilevanza unicamente il fine di carattere religioso che accompagna il compimento delle attività di assistenza, beneficenza, istruzione, educazione e cultura, a nulla, rilavando... l'eventuale veste commerciale assunta delle attività medesime". La ricorrente aggiunge che - ricavandosi "agevolmente", "dalla semplice lettura" dell'art. 7 detto, che "l'agevolazione in esame è applicabile al ricorrere di due sole condizioni": "una soggettiva"("l'immobile deve essere utilizzato da un ente non commerciale secondo la definizione di cui all'art. 73, comma 1, lett, c) del TUIR già n. 87"), nel caso "pacifica in causa" perché "non contestata" "una oggettiva" ("il cespite deve essere destinato esclusivamente alle attività specificamente elencate) - "ad identica conclusione si poteva e doveva pervenire anche prima dell'intervento chiarificatore operato con il DL n. 163/2005" atteso che:
(1) "sul versante soggettivo", "gli enti ecclesiastici" (come "pacifico" in giurisprudenza ed in dottrina) "sono da ritenersi non commerciali" (a) perché per la lett. c) dell'art. 73 detto "occorre far riferimento allo statuto oppure all'atto costitutivo (e per l'art. 2 del suo statuto essa "esercita opere di religione e di culto, senza fine di lucro, opere di istruzione, educazione, assistenza ospedaliera, opere di assistenza sociale in tutte le
sue varie forme, opere di beneficenza rispondenti alle particolari esigenze dei tempi e dei luoghi dove essa è operante, secondo le proprie finalità"), per cui "il fine perseguito da una tale realtà ecclesiastica" è "sempre un fine apostolico, di religione e di culto" (come confermato dall'art. 2 della legge 20 maggio 1985 n. 222 per il quale "sono considerati aventi fine di religione o di culto gli enti che fanno parte della costituzione gerarchica della Chiesa, gli istituti religiose i seminari") dato che "ogni ente ecclesiastico può di fatto perseguire il generale scopo di religione anche svolgendo attività di diversa natura che comunque costituiscono... un mezzo di apostolato tra le genti, come... l' attività di assistenza ai malati ed ai bisognosi") e
(b) in quanto per il quarto comma dell'art. 111 bis del TUIR ("art. 149 della nuova numerazione"), introdotto dal "D.lgs. n. 460/1997" in ((evidente omaggio alla netta separazione tra due ordinamenti sovrani e distinti sanciti dagli accordi tra Stato e Chiesa" (leggendosi nella "relazione governativa" a detto D. Lgs. che "in tali enti sono sempre "presenti le attività istituzionali dì ispirazione eminentemente idealistica""), ""le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 non si applicano agli enti ecclesiastici riconosciuti come persone giuridiche egli effetti civili", di tal che, "secondo tale norma", "gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, quali che siano le attività svolte (quindi,
anche commerciali), non perdono mai, ai fini fiscali, la qualifica di enti non commerciali": per essa ricorrente "lo svolgimento dell'attività sanitaria in forma organizzata.... non ha modificato lo spirito originale di missione religiosa" e, quindi, "non provoca... la perdita della qualifica di ente non commerciale" per "l'ordinamento tributario"; (2) "sotto il profilo oggettivo", "la disposizione de qua prevede che abbiano diritto all'esenzione ICI gli immobili destinati ad una serie di attività" ("assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative, sportive), "tassativamente" elencate, considerate dal legislatore "meritevoli di una particolare attenzione" (come nel caso delle "esenzioni IVA disciplinate dall'art. 10 del DPR 26 ottobre 1972 n. 633") senza "alcun riferimento alla natura delle attività stesse" ("anche se... alcune di esse siano considerate generalmente commerciali dal
legislatore tributario") e, pertanto, il legislatore ha riconosciuto" "anche in riferimento all'ICI",un trattamento di favore... a quei soggetti, gli enti non profit, che per loro natura escludono il perseguimento del lucro nella loro attività" (nella sentenza n. 142 del 2004 questa Corte "ha affermato essere "in facoltà del legislatore esentare da una determinata imposizione fiscale soggetti forniti di capacità contributiva, purché la scelta non presenti profili di irrazionalità", ribadendo come ciò valga anche ai fini ICI "il cui presupposto impositivo è il mero possesso dell'immobile e non la utilizzazione di questo a fini di lucro"").
La ricorrente, ancora, ritiene "illegittima" la tesi dei giudice di appello secondo cui la "norma agevolativa" (lett. i) dell'art. 7) "opererebbe" in relazione "alla sola lett. a) dell'art. 16" legge n.222 dal 1985 sia perché "smentita" dal legislatore (che "ha chiarito, ora per aIlora, l"operatività dell'esenzione in parola anche nel caso di immobili adibiti ad attività assistenziali e sanitarie,svolte in forma commerciale e per finalità di religione o culto"),sia perché il richiamo della "sola lett. a)" non esclude che "possano godere dell'"agevolazione anche alcune delle attività elencate nella lett. b)" essendo "per esse" ("assistenza e beneficenza, istruzione ed e deduzione")
"operante la disposizione... generale contenuta nella stessa lett. i.) del comma 1 dell'art. 7 che risulta pacificamente applicabile a tutti gli enti non commerciali": "l'attività sanitaria di casa di cura" da essa svolta (per autorizzazione del Ministero della Sanità del 18 marzo 1965), quindi, "rientra tra quelle espressamente elencate nell'art. 7" detto, tenuto anche conto della "ratio", sottesa a tale norma, "di garantire a soggetti non commerciali la possibilità di svolgere attività sanitarie, educative e sociali, pure a titolo oneroso, senza dover scontare l'ICI in relazione agli immobili nei quali esse sono esercitata, sul presupposto che essendo i relativi proventi interamente
reinvestiti nel finanziamento dei compiti benefici ed altruistici propri di tali enti e mancando...l'intento di realizzare un profitto, tali enti non perdono la loro caratterizzazione non commerciale e, pertanto, restano meritevoli di un trattamento agevolato" (il richiamo all'art. 18, lett. a) della legge n. 222/1985", quindi, "va sicuramente inteso come una disposizione volta a predisporre un ulteriore protezione nei confronti degli enti ecclesiastici", "non a restringere il favor espresso
dal(l')... ordinamento nei confronti dei medesimi").
"Una diversa interpretazione", secondo la (...) (a) "restringerebbe il campo di applicazione dall'esenzione ICI a danno dei soli enti ecclesiastici" e (b) determinerebbe "una irragionevole disparità di trattamento"" "l'esenzione de qua"., infatti, sarebbe applicabile ad un "ente commerciale diverso da un ente ecclesiastico" a "prescindere da qualsivoglia valutazione in ordine alla natura commerciale o meno dell'attività stessa" e all'ente ecclesiastico "nel solo caso in cui la predetta attività fosse svolta con modalità non commerciali".La ricorrente, ancora, assumendo avere il giudice di appello "surrettiziamente" introdotto, ai fini del riconoscimento dell'"esenzione in esame", l'"ulteriore requisito" della "non commercialità
dell'attività svolta nell'immobile dall'ente ecclesiastico", sostiene che "una siffatta interpretazione, risulta del tutto slegata dalla lettera e dalla ratio della norma" perché questa non impone "nessun ulteriore requisito" oltre all'impiego dell'immobile ("in via esclusiva") "per talune attività di carattere sanitario o assistenziale ed alla "proprietà del medesimo" in capo ad un ente non commerciale", si che "l'agevolazione ICI è invocabile senza che rivestano alcuna impazienza le concrete modalità (commerciali o meno} con le quali detta attività viene ivi esercitata".
La Congregazione, di poi, sostiene che "la Commissione Tributaria Regionale ha errato anche nel ritenere che l'attività sanitaria" da essa svolta "nell'immobile... fosse qualificabile alla stregua di un'attività commerciale" in quanto:
- "risulta chiaramente dallo Statuto" che essa "esercita "opere di istruzione, educazione, assistenza ospedaliera, opere di assistenza sociale in tutte le sue varie forme, opere di beneficenza"";
- le "attività" sono "tutte... svolte non in una logica speculativa ("senza fine di lucro") ma in un'ottica di diffusione e presenza cristiana": "i proventi realizzati "in conformità a quanto dispone l'art. 20 dello Statuto" (""è esclusa ogni finalità di lucro, così come l'eventuale supero tra le "entrate" e le "uscite" non costituiscano mai "profitto" ma avanzo di gestione" da destinarsi al migliore conseguimento della finalità costituzionali della (...) sono "integralmente reinvestiti nel finanziamento delle altre attività di beneficenza" ("in particolare..., per alimentare le numerose opere missionarie sparse in molti paesi del c.d. terzo mondo" di tal che "non esiste... nessuna forma di distribuzione di utili"; "l'eventuale esistenza di proventi al termine di ciascun esercizio
dipende, in larga misura, dal fatto che sono le suore stesse che presentano, gratuitamente..., il loro servizio all'interno della (...), ciò che consente di realizzare cospicui risparmi sul costo del personale") per cui "il servizio sanitario si rivela non lo scopo, ma soltanto un mezzo, l' attività strumentale daIla quale ritrarre risorse necessarie per finanziare le finalità istituzionali dell'ente (sulla rilevanza di questo profilo, cfr. Cass, 27 marzo 1990 n. 2573)" non potendo attingere
"altrimenti.. dette risorse". La ricorrente, infine, ricorda che con la sentenza 16 febbraio 2004 n. 2915" pronunciata nei suoi "confronti", la sezione lavoro di questa Corte, relativa all'"applicabilità delle disposizioni di esonero dal pagamento dei contributi CUAF ex art. 7 legge 11 giugno 1974 n. 252", ha riconosciuto che ""correttamente i giudici di appello non hanno condiviso le valutazioni operate
dal primo giudice, allorché il Pretore ha qualificato come discrezionale, eventuale e non rilevante la scelta della congregazione di destinare gli "avanzi di gestione" ad altri fini istituzionali, non essendo tale destinazione discrezionale, ma obbligatoria in forza della vincolante norma statuaria di cui al citato art. 20"" ed "ancora: "va dunque affermato con i giudici di appello che l'"utile di gestione" della casa di cura predetta costituisce non il fine della (...) ma il mezzo per il conseguimento delle finalità istituzionali dell'ente, complessivamente considerato, che - a differenza del comune imprenditore, che è libero di destinare i profitti della sua attività economica a propria discrezione - deve necessariamente impiegare tali "profitti" gestionali delle sue strutture al soddisfacimento di quei fini assistenziali e di beneficenza perseguiti, libero soltanto di graduare le priorità di intervento in tale ambito istituzionale"": detta sua "caratterizzazione", secondo la (...), esclude "a priori che l'attività sanitaria svolta possa essere qualificata come commerciale" ed impedire, quindi "il godimento dell''esenzione" in questione.B. Nell'altra doglianza la contribuente denunzia "violazione e falsa applicazione dell'art. 7 dell'Accordo Modificativo del Concordato Lateranense del 18 febbraio 1984 (ratificato con legge n. 121/195)" adducendo che per il terzo comma di tale norma (secondo cui "agli effetti tributari gli enti ecclesiastici aventi fine di religione o di culto, come pure le attività dirette a tali scopi, sono
equiparati a quelli aventi fine di beneficenza o di istruzione") - "dotata nel nostro ordinamento di rango superiore e prevalente rispetto ad altre norme di legge ordinaria, in virtù del nuovo art. 117,primo comma, della Cost." siccome "contenuta la un trattato internazionale" - "gli enti ecclesiastici aventi fini di religione e di culto, di qualunque tipo siano le attività che essi pongono in essere nel perseguimento di dette finalità, subiscono il medesimo trattamento tributario riservato agli enti di beneficenza o di istruzione, ovvero sono di fatta equiparati ad enti non commerciali"per cui, essendo essa (...)"un istituto religioso" ("come tale avente fine di religione e di culto ex art. 2 della legge n. 222/1985"), si rende applicabile detta "previsione ncordataria": con la conseguenza che essa "deve essere considerata in ogni caso un ente non commerciale ai fini fiscali, dunque anche in materia di ICI; e, come tale, deve fruire delle agevolazioni prescritte dell'art. 7 del D. Lgs. n. 504/1992".
3. Il ricorso - i cui due motivi vanno esaminati congiuntamente - deve essere respinto perché infondato.
A. Per il D. Lg.vo 30 dicembre 1992 n. 503 (istitutivo dell'imposta Comunale sugli immobili, breviter: ICI):
- il '"presupposto" oggettivo dell'imposta è dato (art. 1) dal "possesso di fabbricati, di aree fabbricabili e di terreni agricoli.
- "soggetti passivi" della medesima sono (art. 5, non interessa qui il testo vigente ratione temporis) "il proprietario di immobili, ovvero il titolare di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, sugli stessi;
- la "base imponibile" è costituita dal "valore degli immobili".
(b) questa Corte (Cass., trib., 4 dicembre 2003 n. 18549) trattarsi di un'imposta diretta di tipo patrimoniale reale" (sul carattere ''reale" dell'ICI cfr., altresì, Cass., trib., 10 giugno 2008 n.15321), derivandone la conseguenza che le ipotesi particolari di esenzione." ("oltre che di agevolazione"),"tra le quali" (per quanto qui interessa) ''quella contenuta, nell'art. 7 lett i), dlgs.cit.", vanno interpretate "in relazione a tale configurazione".
B. Per il primo comma dell'art. 7 dello stesso D.lgs., "sono esenti" dall'ICI, tra gli altri (lett. i)), "gli immobili utilizzati dai soggetti di cui all'art. 87, comma 1, lettera c), del testo unico delle imposte dei redditi, approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonché delle attività di cui alla L. 20 maggio 1985, n. 222, art. 16, lett. a)".
L' "esenzione" prevista dalla norma, giusta la giurisprudenza di questa Corte (Cass., trib.: 24 ottobre 2008 n. 25674, 30 agosto 2006 n. 18838; 26 ottobre 2005 n. 20776; 20 giugno 2005 n.13232; 23 marzo 2005 n. 6316; 8 marzo 2004 n. 4645), è subordinata alla compresenza della"duplice condizione":
(a) "dell'utilizzazione diretta degli immobili da parte dell'ente possessore", e
(b) "dell'esclusiva loro destinazione ad attività peculiari" ("ritenute dal legislatore meritevoli di un trattamento fiscale di favore") che, però, "non siano produttive di reddito" ("presupposto oggettivo" da accertare (Cass. n. 20776 del 1005, cit., che ricorda le anteriori decisioni della sezione 8 marzo 2004 n. 4654 e 4 dicembre 2003 n. 18459) non "sulla base di riscontri documentali che attestino a priori il tipo di attività cui l'immobile è destinato" ma verificando "concretamente se l'attività cui l'immobile è destinato, se pure rientrare fra quelle esenti, non sia svolta in concreto secondo le modalità di un'attività commerciale"). Nella sentenza 2 aprile 1999 n. 119, poi, la stessa Corte costituzionale ha, in particolare, statuito che in base all'art. 7, l'esenzione dall'ICI prevista "alle lettere b), c), d), g), h), i)" riguarda sempre "immobili destinati ad attività peculiari che non sono produttive di lucro e di reddito".
C. Specificamente con riguardo gli enti ecclesiastici, inoltre, questa sezione (sentenza n. 4645 del 2004, cit.) - tenuto conto del disposto dell'art. 16 legge 20 maggio 1985 n. 222 (recante "disposizioni sugli enti e beni ecclesiastici in Italia e per il sostentamento del clero cattolico in servizio nelle diocesi"), per il quale "agli effetti delle leggi civili si considerano comunque" (a) "attività di religione op di culto quelle dirette all'esercizio del culto e alla cura delle anime, alla formazione del clero e dei religiosi, a scopi missionari, alla catechesi, all'educazione cristiana" e (b) "attività diverse da quelle di religione o di culto quelle di assistenza e beneficenza, istruzione,
educazione e cultura e, in ogni caso, le attività commerciali o a scopo di lucro" - ha
condivisibilmente affermato che:
- per la qualità dello stesso, "l'esercizio del commercio", di certo, non costituisca il "fine esclusivo" né "prevalente" di un "ente ecclesiastico";
- le "attività di carattere religioso, o, in ogni caso, strettamente connesse a quelle propriamente religiose" indicate nella lett. a) dell'art. 16 detto ("richiamata dalla legge fondamentale sull'I.C.I.n. 504/1992") fruiscono "dello stesso trattamento di favore previsto per le altre attività, culturali, assistenziali, ecc., indicate alla lettera i) dell'art. 7 del decreto legislativo n. 504";
- il "secondo ambito" delle possibili attività degli enti ecclesiastici", definito nella lett. b) dellostesso art. 16 (attività aventi carattere "non propriamente religioso o strettamente connesso a quello religioso"), invece, "non è richiamato dall'art. 7 della legge I.c.i.": se tanto "non esclude necessariamente che possano godere anch'esse del medesimo regime di favore" (atteso che "molte di esse (quelle di assistenza e beneficenza, istruzione, educazione e cultura) rientrano già, in via
diretta e non tramite il richiamo alla legge sugli enti ecclesiastici, nella previsione delle lettera i)"), "non altrettanto avviene per quelle commerciali o per fini di lucro, pure ricomprese nella stessa lettera b) dell'art. 16 della legge sugli enti ecclesiastici" perché a quest' "ambito di attività", che pur "può essere svolto da enti ecclesiastici", il legislatore fiscale non ha riservato untrattamento di esenzione ai fini dell'I.C.I.";
- la previsione del terzo comma dell'art. 7" legge 25 marzo 1985 n. 121 (di "ratifica ed esecuzione dell'accordo, con protocollo addizionale, firmato a Roma il 18 febbraio 1984, che apporta modificazioni al Concordato leteranense dell'11 febbraio 1929, tra la Repubblica italiana e la Santa Sede": c.d. "accordi di Villa Madama") per la quale "agli effetti tributari gli enti ecclesiastici, come pure le attività dirette a tali scopi, sono equiparati a quelli aventi fine di istruzione o di beneficenza") è irrilevante perché "ai fini della imposizione i.c.i." gli "enti ecclesiastici" (come "quelli con fini di istruzione o di beneficenza") "sono esentati dalla imposta, limitatamente agli immobili direttamente utilizzati per lo svolgimento delle loro attività istituzionali (o di altre attività rientranti, anche tramite il richiamo alla legge n. 222/1985, nella previsione
della lettera i) dell'art. 7 della legge I.C.I.)" ma non "per gli enti destinati ad altro";
- "la destinazione degli utili ad una ripartizione in favore dei partecipanti all'attività commerciale, o al perseguimento di fini sociali o religiosi è un momento successivo alla produzione degli utili stessi, che non fa venir meno il carattere commerciale dell'attività, e non rileva ai fini della tassazione ICI".
In carenza di qualsivoglia convincente argomentazione contraria (che non si rinviene nelle complessive argomentazioni svolte dalla ricorrente in ricorso e nella memoria depositata), vanno, quindi, ribaditi il principio secondo cui, in base al D.Lg.vo n. 504 del 1992 ed alle leggi n. 121 e 222 del 1985 (norme citate) "un ente ecclesiastico può svolgere liberamente, nel rispetto delle leggi dello Stato, anche un'attività di carattere commerciale, ma non per questo si modifica la natura dell'attività stessa, e, soprattutto, le norme applicabili al suo svolgimento rimangono, anche agli effetti tributari, quelle previste per le attività commerciali, senza che rilevi che l'ente lo svolga, oppure no, in via esclusiva, o prevalente" nonché il corollario per il quale "gli immobili destinati" da un ente ecclesiastico ad attività "oggettivamente commerciali", siccome "non soltanto ricettive o sanitarie" (quindi "ricomprese nella previsione della lettera i) dell'art. 7"), non rientrano "bell'ambito dell'esenzione dall'ICI" attesa l'irrilevanza della destinazione degli utili eventualmente ricavati "al perseguimento di fini sociali o religiosi".
D. Tale principio (come il conseguente corollario) non può ritenersi superato dall'art. 6 DL 17 agosto 2005 n. 163 (rubricato "esenzione dell'ICI per particolari immobili") (invocato dalla ricorrente) - per il cui primo comma "l'esenzione prevista dall'articolo 7, comma 1, lettera i), del decreto 30 dicembre 1992 n. 504, e successive modificazioni, si intende applicabile anche nei casi di immobili utilizzati per le attività di assistenza e beneficenza, istruzione, educazione e cultura di cui all'articolo 16, primo comma, lettera b), della legge 20 maggio 1985, n. 222, pur svolte in forma commerciale se connesse a finalità di religione o di culto" - in quanto (giusta anche il
comunicato del Ministero della Giustizia pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 243 del 18 ottobre 2005) detto decreto legge non è stato convertito in legge nel termine (artt. 77, terzo comma, Cost.) di settanta giorni della sua pubblicazione e, quindi, le norme contenute nello steso sono improduttive di qualsivoglia effetto giuridico.
Il principio ed il corollario detti, inoltre, conservano la loro validità ratione temporis perché non incisi dalle seguenti norme sopravvenute, ovverosia:
- dalla legge 2 dicembre 2005 n. 248 (di conversione del DL convertito il comma 2 bis del seguente tenore testuale: "l'esenzione disposta dall'articolo 7, comma 1, lettera i), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, si intende applicabile alle attività indicate nella medesima lettera a prescindere dalla natura eventualmente commerciale delle stesse".
- dal comma 133 dell'art. 1 legge 23 dicembre 2005 n. 266, a sua volta, ha "aggiunto", in fine al comma 2 bis detto, "il seguente periodo": "con riferimento ad eventuali pagamenti effettuati prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto non si fa comunque luogo a rimborsi e restituzioni d'imposte";
- dall'art. 39 del DL 4 luglio 2006 n. 223 (convertito in legge 4 agosto 2006 n. 248) -specificamente rubricato "modifica della disciplina di esenzione dall'ICI" - che, infine, ha "sostituito" il riprodotto testo originario del comma 2 bis con il seguente: "l'esenzione disposta dall'art. 7, comma 1, lettera i), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, si intende applicabile alle attività indicate nella medesima lettera che non abbiano esclusivamente natura commerciale"
Dall'esame delle richiamate norme sopravvenute, infatti, si ricava, in primo luogo, che con le disposizioni successive a quella emanata nell'agosto 2005 il legislatore:
(1) ha del tutto abbandonato il riferimento agli "immobili utilizzati per le attività di assistenza e beneficenza, istruzione, educazione e cultura di cui all'articolo 16, primo comma, lettera b), della legge 20 maggio 1985, n. 222" contenuto nell'art. 6 del DL n. 163 del 2005 (non convertito): conseguentemente, ai fini dell'ici, come già affermato da questa Corte (sentenza n. 4645 del 2004, cit.) non può essere riconosciuto nessun trattamento fiscale differenziato autonomo a detti immobili
per le attività considerate nella lett. b) dell'art. 16; (2) ha previsto l'applicabilità ("si intende applicabile") dell'"esenzione disposta dall'art. 7, comma 1, lettera i)" del D. Lg.vo n. 504 del 1992 alle "attività indicate nella medesima lettera".
(a) con la legge n. 248 del 2005, "a prescindere dalla natura eventualmente commerciale stessa" e (b) con il DL n. 223 del 2006 (convertito nella legge n. 248 del 2006), se quelle attività "non abbiano esclusivamente natura commerciale".
Come ricordato innanzi, la Corte delle leggi (sentenza n. 119 del 1999 cit.) ha chiarito che l'esenzione dall'ICI prevista "alle lettere b), c), d), g), h), i)" dell'art. 7 D.Lvo. n 504 del 1992 riguarda sempre "immobili destinati ad attività peculiari che non siano produttive di lucro e di reddito".
La necessità, affermata dalla Corte Costituzionale, che, ai fini del riconoscimento dell'esenzione prevista dalla norma, le attività esercitate negli immobili "non siano produttive di lucro e di reddito" costituisce, quindi, secondo la stessa Corte, imprescindibile condizione (anche logico giuridica) per la delimitazione della fattispecie legale della esenzione prevista dall'art. 7 D. Lg.vo n. 504 del 1992: di conseguenza - tenuto conto che, come "più volte precisato" dalla Corte costituzionale (di recente nel provvedimento 27 luglio 2007 n. 330) "la retroattività propria dell'interpretazione autentica non tollera logicamente eccezioni al significato attribuito alla legge interpretata" - non può ritenersi che rientri "nell'area semantica della disposizione")ovverosia "tra le possibili letture del testo originario") dettata dall'art. 7, lett. i) d. Lg.vo n. 504 del 1992 ("area" e "letture" cui, secondo Corte Cost., 7 novembre 2008 n. 362, occorre fare riferimento al fine di riscontrare la "natura interpretativa" di una norma) la successiva disposizione con la quale il legislatore ha stabilito che l'esenzione in questione "si intende applicabile" alle attività" indicate nella lettera detta una volta (legge n. 248 del 2005) " a prescindere dalla natura eventualmente commerciale" di quelle attività e, successivamente (DL n. 223 del 2006, convertito nella legge n. 248 del 2006), (solo) se quelle attività "non solo abbiano esclusivamente natura commerciale", essendo evidente che le due previsioni circa la rilevanza (peraltro di differente latitudine per ciascuna norma), ai fini dell'esclusione dall'imposta, della "natura commerciale" dell'attività svolta nell'immobile (altrimenti soggetto all'imposta stessa) tolgono valore (in tutto od in parte) - imponendo una valutazione ermeneutica della disciplina normativa del tutto diversa dalla precedente - alla produzione "di lucro e di reddito" già ritenuta, anche dalla Corte delle leggi (sentenza n. 119 del 1999 cit.), ostativa al riconoscimento dell'esclusione dell'imposta in base alla sola previsione dalla lett i) dell'art. 7 D. Lvo n. 504 del 1992.
Si deduce da tanto che delle indicate sopravvenute norme difetta qualsiasi carattere di interpretazione autentica perché esse - imponendo di comunque valutare la "natura commerciale" dell'attività espletata, considerata (si ripete: anche dalla Corte delle leggi9 ostativa all'esclusione dall'imposta in base all'art. 7 lett i) - innovano la disciplina di quello che la Corte Costituzionale (ord. 19 dicembre 2006 n. 429) ha definito il "requisito oggettivo delle attività da svolgersi negli immobili ai fini dell'esenzione dall'ICI" e, di conseguenza, che (diversamente da quanto sostenuto
dalla ricorrente) nessuna di essa è applicabile alla specie essendo questa regolata dal testo dell'art. 7 D. D. Lg.vo n. 504 del 1992 vigente al momento di riferimento di riferimento dell'imposta, nel caso (ampiamente) anteriore all'entrata in vigore delle nuove norme.
E. Vanamente, infine, la ricorrente invoca la previsione della quarta alinea dell'art. 111 bis DPR 22 dicembre 1986, n. 917 (introdotto con l'art. 6 del D. Lg.vo 4 dicembre 1997 n. 460, di "riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale") - per la quale "le disposizioni di cui al comma 1 e 2" (in particolare, quella del primo comma secondo cui "indipendentemente dalle previsioni statuarie, l'ente perde la qualifica di ente
non commerciale qualora eserciti prevalentemente attività commerciale per un intero periodo d'imposta") "non si applicano agli enti ecclesiastici riconosciuti come persone giuridiche agli effetti civili" - atteso che la stessa deve intendersi limitata alle "imposte sul reddito", oltre che per il tenore testuale della rubrica della "sezione I" del D. Lvo nel quale l'articolo è contenuto, in considerazione della inserzione ("è inserito") nel "testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, dopo l'art. 111" dello
stesso disposta dal primo comma dell'art. 6 detto (regolante le ipotesi di "perdita della qualifica di ente non commerciale").
Di conseguenza detta previsione, per quanto concerne propriamente l'esenzione dall'ICI regolata dalla lett. i) dell'art. 7 D. Lg.vo n 504 del 1992, riflette i suoi effetti unicamente sulla qualità del soggetto utilizzatore dell'immobile - individuata dalla norma con il rinvio all'art. all'art. "art. 87, comma 1, lettera c), del testo unico sulle imposte dei redditi, approvato con DPR 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni", cioè "gli enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di
attività commerciali") - per poter beneficiare dell'esenzione, ovverosia su una qualità che nel caso non è in discussione essendo la ricorrente ente ecclesiastico, quindi ricompresa come tale (cioè per solo tal qualità) tra i "soggetti" di cui alla lett. c), primo comma, art. 87 TUIR, ma non sul requisito oggettivo dell'attività (non commerciale) esercitata nell'immobile.
4. Nonostante l'integrale reiezione del ricorso, nessun provvedimento deve essere adottato inordine alle spese processuali di questo giudizio di legittimità perché il Comune intimato non hasvolto attività difensiva.
P.Q.M.
Rigetta il ricorso.
°°°°°°°°°°°°
Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso.

Chiedi informazioni Stampa la pagina

Powered by Google Partner Euchia.it ©